Mostre e eventi

Si allega link di quanto in oggetto.

 

https://h2f1.emailsp.com/f/rnl.aspx/?meh=t1qwq3-&x=pv&dl=o1-k8=xsvy0-80b=4a56el081&x=pp&xx630295e0628d&x=pv&/af19&e=wq/xNCLM

La 16ª edizione dello Schermo dell'arte, che si svolge dal 15 al 19 novembre a Firenze, ha un'estensione online, in streaming su MYmovies, dal 15 al 26 novembre. Il programma è ricco e comprende, per citare solo alcuni titoli: Nam June Paik: Moon Is the Oldest TV (2023) di Amanda Kim, Robert Irwin: A desert of pure feeling (2022) di Jennifer Lane, Radical Landscapes (2022) di Elettra Fiumi, oltre al Focus dedicato all'artista Guido van der Werve, un omaggio a Diego Marcon e la XII edizione di VISIO. Qui si trova la programmazione completa, giornata per giornata https://www.schermodellarte.org/festival-2023/programma/. Come sempre si tratta di film di recentissima produzione, per lo più anteprime, che difficilmente hanno una reale distribuzione, per cui il festival è la rara (se non unica) occasione per vederli. Come ogni anno abbiamo un'attenzione particolare per il pubblico dei più giovani, in particolare degli studenti: in presenza il festival sarà totalmente gratuito per gli under 30, mentre per lo streaming l'abbonamento ha un prezzo scontato per studenti (e docenti) pari a 3,90€ anziché 7,90€. Per accedere allo sconto proponiamo l’ acquisto autonomo da parte di docenti e studenti, tramite la registrazione a questo modulo: https://www.schermodellarte.org/education/agevolazioni/.

 

Attachments:
Download this file (IMG_7893.PNG)IMG_7893.PNG[ ]3 kB

Due mostre commissionate e prodotte per gli spazi ex-industriali delle OGR Torino. Due artiste internazionali che, pur con poetiche molto diverse, indagano limiti e potenzialità delle pratiche scultoree nella contemporaneità.
Le OGR Torino accolgono le mostre personali di Sarah Sze e Sara Enrico, entrambe a cura di Samuele Piazza.

In Binario 1, METRONOME è la prima personale in un’istituzione italiana dell’artista statunitense Sarah Sze (Boston, 1969). Fino all’11 febbraio 2024 presenta al pubblico una grande installazione ambientale, co-commissionata e co-prodotta dalle OGR Torino insieme ad Artangel – Londra e ARoS – Aarhus Art Museum con il supporto di Victoria Miro. Un’opera monumentale che rappresenta l’incessante flusso di informazioni che caratterizza e condiziona il nostro presente.

Allestita per la prima volta nel 2023 nella sala d’attesa della stazione londinese di Peckham Rye riaperta al pubblico dopo oltre 60 anni, questa grande opera installativa assume, negli spazi industriali delle OGR Torino, coevi alla stazione inglese, un’ideale continuazione della sua storia espositiva: la rivoluzione industriale ottocentesca, di cui le due architetture sono testimonianza, è stato un momento di accelerazione tecnologica che ha irrimediabilmente modificato il rapporto dell’uomo con il tempo e lo spazio.

In Binario 2, fino al 10 dicembreTainted Lovers di Sara Enrico (Biella, 1979), è una mostra prodotta dalle OGR Torino con il supporto di Fondazione Sviluppo e Crescita CRT.
Immaginata come un’unica grande installazione, presenta una serie di nuove sculture commissionate e prodotte per l’occasione. “Tainted” vuol dire contaminato, infetto, danneggiato: il mondo che raccontano le opere di Sara Enrico è un cosmo fatto di relazioni e attriti, in cui il confine tra figurazione e astrazione ci parla di corpi in divenire e di contaminazione tra design del corpo e progettazione dell’oggetto.

L’amore a cui fa riferimento il titolo della mostra non ha dunque nulla di romantico, ma può essere letto come forza fisica che plasma i corpi e suggerisce relazioni: le sculture di Sara Enrico si sviluppano portando con sé le tracce di contatti e tensioni tra i materiali, le loro compenetrazioni spinte da desideri o mancanze.


Sarah Sze. METRONOME
a cura di Samuele Piazza
Fino al 11 febbraio 2024
OGR Torino – Binario 1
Ingresso gratuito
giovedì e venerdì h 18 – 22
sabato e domenica h 10 – 20

Sara Enrico. Tainted Lovers
a cura di Samuele Piazza
fino al 10 dicembre 2023
OGR Torino – Binario 2
Ingresso gratuito
giovedì e venerdì h 18 – 22
sabato e domenica h 10 – 20

Info: https://ogrtorino.it/

Attachments:
Download this file (unnamed.jpg)unnamed.jpg[ ]308 kB

 In allegato l'invito

Le chiediamo un gentile riscontro della Sua presenza o assenza per organizzare al meglio la cerimonia.

La preghiamo di scrivere direttamente all'e-mail vernissage@studiosandrinelli.com

 

Attachments:
Download this file (unnamed.png)unnamed.png[ ]481 kB

Tour guidato dal Prof. Gennaro Rispoli alla scoperta del primo cimitero cittadino dedicato ai poveri del regno

12 novembre 2023, h 10:30

 

Informazioni su: https://h2f1.emailsp.com/f/rnl.aspx/?meh=t1qwq3-&x=pv&dl=o1-k8=xr1y0-80b=4a56el081&x=pp&xx630295e0628d&x=pv&/af19&e=wqzqNCLM

Info: https://preview.mailerlite.com/n7t6p4n6m7/2342877356634412557/o5i9/

Arteam Cup 2023:
annunciati i nomi dei finalisti
 

Mostra finale
A cura di Livia Savorelli e Matteo Galbiati
Palazzo del Commissario | Fortezza del Priamàr
C.so Mazzini, Savona

25 novembre 2023 – 6 gennaio 2024

Open day: sabato 25 novembre, ore 16.00-19.30

Presentazione ufficiale:
Sala della Sibilla, Fortezza del Priamàr, ore 16.00

Link utili:

https://preview.mailerlite.com/k5b6w7r2j5/2343458191192364985/a9g8/

 

https://preview.mailerlite.com/u0s8w1q6v3/2343475181747443216/c2v3/ 

 

Proroga del termine per la presentazione delle candidature per la XXIV Edizione del Premio del Museo: 10 gennaio 2024.

Il concorso ha lo scopo di favorire la conoscenza e la valorizzazione della pasta italiana nel mondo ed è destinato a sollecitare svariate forme di manifestazione artistica con 5 sezioni: Istruzione ed Educazione, Università , Giornalismo, Videoclip e Fotografia.

 

Il nuovo termine è stato fissato al 10 gennaio 2024, in modo da offrire a tutti gli interessati a partecipare la possibilità di condividere le loro creazioni e la loro passione nell’ambito del tema oggetto del Bando “Una lunga storia d’amore: la pasta tra innovazione e tradizione”.

I moduli da compilare per la partecipazione sono pubblicati e disponibili nella sezione dedicata al Premio del Museo sul sito web della Fondazione e devono pervenire entro il 10 gennaio 2024 al seguente indirizzo: premiodelmuseo2023@fondazionevincenzoagnesi.it

https://fondazionevincenzoagnesi.us10.list-manage.com/track/click?u=83652fe285ff25ee19dfc0aef&id=8a82e7d5ee&e=7752fb869c

Il Collegium Musicum di Bari nella Direzione Artistica del M° Rino Marrone invita l’Accademia di Belle Arti di Bari a presenziare al presente evento in data 17/10/2023 in onore della celebre fotografa Lisetta Carmi: l’evento inframmezzerà alcune proiezioni e video relativi all’attività artistica (e non solo) della suddetta con le esecuzioni al pianoforte del M° Maurizio Zaccaria con le musiche di Bach, Beethoven, Dallapiccola e Prokofiev.


La location dell’evento sarà la Sala Casa del Mutilato in Largo Angelo Fraccacreta a Bari; l’inizio è previsto per le 10,30 del 17/10/2023 e il costo del biglietto è, in via straordinaria per i docenti e gli studenti dell’Accademia di Belle Arti, di 2 Euro.

Per prenotazioni e informazioni è possibile contattare al numero 3404993826 l’addetto stampa Simona Palermo.

 

Attachments:
Download this file (17-10-2023 programma.pdf)17-10-2023 programma.pdf[ ]344 kB
Download this file (17-10-23 copertina.pdf)17-10-23 copertina.pdf[ ]695 kB

 

Green skills in visual arts - competenze ecologiche nelle arti visive - è il titolo del BIP (Blended Intensive Programmes) che vede protagonisti alcuni studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bari dal 28 settembre al 7 ottobre 2023, in mobilità Erasmus presso il Centrul de Artă Contemporană Colonia Pictorilor di Baia Mare.
Situata nel Nord della Romania, Baia Mare (in it. Grande Miniera) fu interessata nel 2000 al più grande disastro ambientale dopo quello di Chernobyl, allorché il crollo della diga di un bacino di decantazione di una miniera fece sì che metalli pesanti come il cianuro si riversassero nel fiume Tibisco, poi nel Danubio di cui questo è affluente, con conseguenze catastrofiche in Romania e in Ungheria per le specie animali e per le sorgenti d’acqua dei villaggi.
In sintonia con le tendenze che da alcuni decenni interessano l’arte contemporanea, in particolare l’arte ambientale con connotazione ecologista – Environmental Installation, Eco Art, Bio Art, Econvention, fusione delle parole "Ecology" e "invention" dove i due termini si riferiscono ad opere che riparano danni dell'ambiente naturale, o Reclamation Art (arte di ripristino) – gli studenti hanno realizzato opere riconducibili a tali principi, sia nel parco della Colonia Pictotirol sia all’interno degli edifici che la compongono.
La Colonia nacque un secolo fa come luogo di raduno e apprendimento dell’arte e ancor oggi svolge tale funzione in modo più moderno attraverso una galleria espositiva e residenze artistiche, con il finanziamento della municipalità di Baia Mare.
La regione di Maramureș, di cui la città è capoluogo, è stata esplorata dagli studenti partecipanti al progetto ed è stata fonte di ispirazione. Il distretto, al confine con l’Ucraina, è noto per aver conservato le tradizioni rurali più antiche della Romania, le famose chiese lignee costruite senza chiodi, il cimitero allegro di Săpânța con le stele di legno dipinte di azzurro in cui per immagini e testi si raccontano episodi salienti della vita del defunto.
Questo progetto di mobilità è stato ideato dall’Università di Arte e Design di Cluj Napoca, storica partner Erasmus dell’Accademia di Belle Arti di Bari, ed ha coinvolto oltre che studenti e docenti di Cluj Napoca e dell’Accademia barese anche studenti e docenti delle ungheresi Università di Belle Arti di Budapest e Università Juhász Gyula di Szeged. I docenti che hanno curato l’organizzazione, le lezioni teoriche e i laboratori sono stati 12 (di cui 4 baresi: Pierluca Cetera, Raffaele Fiorella, Magda Milano, Giusy Petruzzelli), gli studenti coinvolti stati 26 (di cui 8 baresi: Francesco Bux, Teresa Chimienti, Eloisa Calabrese, Davide Marrone, Antonio Milano, Alessandra Rivelli Antezza, Michela Rondinone, Sonia Rucci).

Le opere realizzate saranno esposte nella Colonia Pictorirol di Baia Mare per due mesi.

Sui nostri profili ufficiali le foto delle opere:

Instagram: https://www.instagram.com/accademiabelleartibari/

Facebook: https://www.facebook.com/AccademiaDiBelleArtiDiBari/posts/pfbid0ZR4pUHxhAHWDfrDyDZKbcVJLHQPQBKUce61ybFP4Wy8fHeoXW8jdVvaDcaDxoApKl

Gli studenti e le studentesse del corso di Fotografia si sono distinti esponendo i loro progetti alla Biennale dei Giovani Fotografi con la curatela della prof.ssa Michela Fabbrocino. 
Inoltre due dei loro lavori si sono affermati tra i 15 finalisti durante le letture portfolio. 
 
La Biennale, un faro per i giovani talenti della fotografia italiana, si svolge a Bibbiena, dove, dal 16 settembre al 12 novembre 2023, ha luogo l'8^ Edizione presso il Centro Italiano della Fotografia d’Autore, in sinergia con il Club Fotografico AVIS Bibbiena EFI. Quest'evento, inserito nella 24^ Edizione di FotoConfronti, sottolinea l'importanza del Centro come crocevia essenziale nella scena fotografica nazionale, catalizzando incontri e scambi tra emergenti professionisti.
COMUNICATO STAMPA
 
La mostra transmediale 'AXIA' curata da RetroGuard presenta le opere di Arianna Ancona e Clara Putignano, Raffaele Busseti, Francesco Bux, Eloisa Calabrese, Paolo Calabrese, Susangela Saracino e Chantal Spapens, che affrontano un'indagine del contesto sociale ed ambientale contemporaneo.
 
Domenica 24 settembre, alle ore 19, si terrà l'inaugurazione del nuovo progetto espositivo a Sammichele di Bari, promosso dalla piattaforma RetroGuard. 

La mostra collettiva, intitolata "AXIA", vede la partecipazione di artisti come Arianna Ancona, Clara Putignano, Raffaele Busseti, Francesco Bux, Eloisa Calabrese, Paolo Calabrese, Susangela Saracino e Chantal Spapens. 

RetroGuard, in collaborazione con gli artisti, ha curato questa mostra con l'intento di esplorare e raccontare il contesto sociale e ambientale contemporaneo attraverso diverse forme d'arte. 

La serie fotografica "WHERE THE STREETS HAVE NO NAME" di Arianna Ancona e Clara Putignano ritrae la paralisi post-terremoto del quartiere Cittadella di Potenza, mettendo in luce l'immobilità del luogo. Raffaele Busseti, attraverso la sua serie pittorica "riflessioni sulla transitorietà", esplora il decadimento della forma, sfumando i confini tra realtà fisica e fenomenica. Francesco Bux, con la serie pittorica "Racconti dall’Inconscio", mira a rappresentare e a confrontarsi con il degrado emotivo. Eloisa Calabrese, conosciuta anche come Eloise Savage, con la serie multimediale "Γῆ", invita il pubblico a riflettere sul rapporto tra uomo e natura. Paolo Calabrese, con "no.16", arricchisce l'esperienza della mostra sonorizzandola con un'indagine sui concetti di presenza e silenzio nel tumulto contemporaneo. Susangela Saracino, attraverso la serie scultorea "EPIDEMIC n°1", approfondisce l'alterazione e il deterioramento biologico. Infine, Chantal Spapens, con la sua performance "AFTER 'LA VELATA'", mostra la lotta contro gli standard femminili.

La mostra sarà aperta al pubblico dal 24 al 26 settembre, dalle ore 19:00 alle 22:00.

 

L’Accademia di Belle Arti di Bari e la Mediateca Regionale Pugliese, nell'ambito del Protocollo d'intesa siglato, presentano la mostra di arte del fumetto “THE LIGHT OF HOPE - Diari visivi di una possibile rinascita” che si terrà dal 15 al 29 settembre 2023 presso la sede della Mediateca Regionale Pugliese in Via G. Zanardelli, 30 - Bari. 

L’inaugurazione della mostra è fissata per venerdì 15 settembre alle ore 19:00 alla presenza del Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Bari Prof. Giancarlo Chielli, del Dirigente Regionale Mauro Paolo Bruno e della Referente della Mediateca Anna Maria Rizzi.

 

La direzione artistica è affidata alla Scuola di Decorazione con i docenti Michele Giangrande e Alessio Fortunato.

 

Per la realizzazione di questo evento, sono stati coinvolti diversi docenti e studenti appartenenti ad altre Scuole di indirizzo, all’insegna di un’operazione interdisciplinare e interdipartimentale: la Scuola di Scenografia, con la Prof.ssa Angela Varvara per la cura dell’allestimento; la Scuola di Nuove tecnologie dell’Arte con il Prof. Roberto Sibilano per la documentazione fotografica dell’evento; la Scuola di Web design e comunicazione visiva con i Proff. Paolo Azzella e Gaspare Buonsante, in collaborazione con Filomena Pucci, per la cura e progettazione di tutto l’apparato grafico e comunicativo. 

 

Il tema della mostra, suggerito dal titolo scelto che letteralmente si traduce in “luce della speranza”, si pone come una riflessione post Covid che ben incarna il profondo e inesauribile desiderio di donare agli allievi tutto ciò che meritano per trasferire loro una visione positiva e ottimista nei confronti del proprio futuro, soprattutto dopo un momento così particolarmente difficile come quello della pandemia. 

Un momento per soffermarsi a riflettere su temi che coinvolgono tutti grazie alle opere degli artisti protagonisti, tutti studenti del corso di Arte del Fumetto della Scuola di Decorazione.

  

“Uno degli obiettivi principali della nostra Istituzione è sempre stato quello di creare quante più occasioni e opportunità possibili per i nostri studenti e studentesse, al fine di ampliare il panorama di esperienze sul campo e dei vantaggi derivanti dalla nostra offerta formativa, sempre attenta all’evolversi delle esigenze, richieste e aspettative del mondo del lavoro. La Scuola di Decorazione, grazie ad un esemplare lavoro di squadra messo in atto da tutti i docenti, ha da sempre accolto e perseguito con fede, passione e lungimiranza questa mission e ha, in numerosissime occasioni ormai, instaurato rapporti con enti pubblici e privati, musei e istituzioni culturali al fine di favorire la crescita dei nostri ragazzi in ambito professionale attraverso l’attuazione di convenzioni, tirocini, protocolli di intesa, collaborazioni, commissioni, esposizioni e tanto altro”. Prof. Michele Giangrande

 

“C’è sempre una speranza. Sempre una luce ad illuminarla. Quella speranza che tutti noi abbiamo sempre avuto nei nostri pensieri, nella pancia e nel cuore per quasi un anno e mezzo dall’inizio della famigerata pandemia che ci ha costretti. Tale progetto prende forma attraverso i disegni dei ragazzi, i quali si sono messi in gioco completamente. Sono diventati al contempo personaggi secondari e/o protagonisti della loro avventura su carta, dimostrando così un’immaginazione degna del loro percorso accademico. Il mondo che abbiamo creato insieme è un mondo opaco, freddo e ostile: un immenso Grand Canyon fatto di torri di roccia e distanze incolmabili e su ogni sommità la loro casa fatta ad immagine e somiglianza delle loro paure. Come docente ho cercato di lasciare liberi i ragazzi di esprimersi con la tecnica che sentivano più affine alla loro anima perché anche questo vuol dire fare da guida: cercare di assecondare e lasciare che i ragazzi esprimano al meglio le loro sensibilità e potenzialità”. Prof. Alessio Fortunato

 

Il progetto espositivo darà anche ampio spazio alla formazione e all’orientamento con il coinvolgimento degli studenti del Liceo Artistico e Coreutico "De Nittis-Pascali” di Bari, attraverso l’organizzazione di un workshop di Arte del Fumetto a cura del Prof. Alessio Fortunato, docente di Arte del Fumetto presso l’Accademia di Belle Arti di Bari e disegnatore per la nota casa editrice italiana Sergio Bonelli Editore. 

L’iniziativa di stampo didattico si conformerà come una formazione intensiva completamente gratuita alla presenza di illustri ospiti come Sebastiano Vilella, autore unico (disegnatore e sceneggiatore) per Frigidaire, Coconino e Oblomov Edizioni Carlotta Mascolo, Colorista per Tiwi (Azienda di Animazione che lavora con Sky e Ferrari).

Il workshop, intitolato “Dalla parola al segno”, sarà suddiviso in 5 giornate di circa 3 ore ciascuna (dalle ore 15:00 alle ore 18:00) e sarà finalizzato alla realizzazione e alla costruzione di una tavola a fumetti da parte degli allievi partecipanti.

La data di inizio workshop sarà comunicata sui siti istituzionali dell'Accademia di Belle Arti di Bari e della Mediateca Regionale Pugliese oltre che sui rispettivi canali social istituzionali.

La partecipazione al workshop sarà consentita ad un numero massimo di 40 partecipanti.

 

Gli studenti interessati dovranno presentare la propria candidatura entro e non oltre le ore 12:00 del 30 settembre 2023 per mezzo mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con in oggetto la seguente dicitura: CANDIDATURA WORKSHOP DI ARTE DEL FUMETTO “DALLA PAROLA AL SEGNO”.

Nel corpo della email ogni studente dovrà specificare Nome e Cognome, la scuola e la classe di appartenenza (es. 5A, 3B, ecc.).

Unico criterio per la scelta dei partecipanti sarà l’ordine di arrivo delle domande di partecipazione.

Nel caso in cui non si dovesse raggiungere il numero di 40 partecipanti, l’Accademia di Belle Arti di Bari si riserva di aprire la possibilità ad altri studenti tramite apposita comunicazione.

A conclusione delle attività, tutti gli elaborati prodotti dai partecipanti saranno oggetto di valutazione da parte di un’apposita commissione formata dal Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Bari Prof. Giancarlo Chielli, dal Funzionario Regionale Anna Maria Rizzi, dal Dipendente Regionale Giuseppe Inciardi e dai Proff. Michele Giangrande ed Alessio Fortunato.

Ai primi tre classificati, individuati dalla commissione valutatrice, oltre alla pubblicazione del proprio elaborato sul portale http://www.pugliadigitallibrary.it sarà assegnato un premio consistente in una fornitura di materiale da disegno a cura della Sezione regionale Sviluppo, Innovazione, Reti, come di seguito specificato:

- al primo classificato sarà assegnato materiale da disegno per un valore complessivo pari ad € 400,00;

- al secondo classificato sarà assegnato materiale da disegno per un valore complessivo pari ad € 200,00;

- al terzo classificato sarà assegnato materiale da disegno per un valore complessivo pari ad € 100,00.

 

 

 

Attachments:
Download this file (CS_THE LIGHT OF HOPE.pdf)CS_THE LIGHT OF HOPE.pdf[ ]349 kB
L’Associazione TERRA, l’Amministrazione Comunale di Sammichele di Bari e l’Accademia di Belle Arti di Bari sono lieti di presentare la mostra d’arte contemporanea “CRIMES OF THE PRESENT Vol. 3” che si terrà dal 14 al 17 settembre 2023 presso i giardini del Castello Caracciolo di Sammichele di Bari in occasione del Factory Film Festival, rassegna di cinema, ma che apre le sue porte anche all’arte e alla musica.
Il Festival gode di illustri partner come l’Accademia di Belle Arti di Baril’Apulia Film Commission l’IISS Rosa Luxemburg di Acquaviva delle fonti e si terrà nei giorni 14, 15, 16 e 17 settembre presso il Castello Caracciolo di Sammichele di Bari.
Scopo del festival è offrire uvasto programma ben articolato sulle quattro giornate tale da attrarre sia i professionisti di settore, ma allo stesso tempo anche un pubblico di non addetti ai lavori.

L’inaugurazione della mostra è fissata per giovedì 14 settembre alle ore 19:00.

La direzione artistica è affidata ai docenti dell’Accademia di Belle Arti di Bari Prof. Michele Giangrande e Prof.ssa Angela Varvara in collaborazione con la Prof.ssa Francesca Ruggieri.
 
Il tema della mostra, come suggerito dal titolo, è un focus su ciò che il genere umano vive e subisce nel quotidiano oggi più che mai: dalla pandemia al surriscaldamento globale, dalle morti nel Mediterraneo alla morsa fiscale, dal caro energia alla guerra in Ucraina, ecc.
Un momento per soffermarsi a riflettere su temi che coinvolgono tutti grazie alle opere degli artisti protagonisti, tutti studenti ed ex studenti dell’Accademia di Belle Arti di Bari provenienti dagli indirizzi di Decorazione, Scenografia, Scultura, Pittura.

 “Una mostra collettiva è occasione per i nostri studenti di confrontarsi con un evento a livello professionale, dona loro gratificazione per il lavoro svolto e consente di mettere in atto ancora una volta la mission dell’Accademia di Belle Arti di Bari: creare quante più occasioni possibili sul territorio per far conoscere la nostra Istituzione e i nostri ragazzi”. Prof. Michele Giangrande

“L’Arte soddisfa il singolo e la comunità. Nutre l’animo attraverso la combinazione di linguaggi molteplici che spaziano tra forme e colori, molteplici espressioni estetiche e suggestioni da trasferire al pubblico. Con Crimes of The Present si celebra un intento comune, quello di valorizzare la bellezza in tutte le sue forme, visibile e soprattutto non visibile”. Prof.ssa Angela Varvara
 
Durante le quattro giornate festivaliere ci sarà anche un ampio spazio dedicato alla didattica e alla formazione grazie alla presenza di numerosi workshop tenuti da docenti dell’Accademia di Belle Arti di Bari e esperti nelle varie aeree del mondo del cinema.
 

 

 
Il corso di Fotografia ha il piacere di annunciare una collaborazione con il Musa Festival
 
Questa collaborazione sarà inaugurata con un'esposizione curata dalla Prof.ssa Michela Fabbrocino e vedrà la partecipazione di cinque studenti e studentesse della nostra Accademia.
Ciascun giovane fotografo presenterà un progetto che non solo rappresenti il corso di Fotografia, ma che affronti temi umani di grande rilevanza. 
 
La mostra avrà luogo l'8 e il 9 settembre a Rutigliano (BA).

Oggi, 25 luglio 2023 alle ore 10,00 presso la Sala Stampa dei Deputati di Montecitorio in Roma, ci sarà la Cerimonia del Ventaglio che vedrà destinare l’opera vincitrice di Ilaria Caracciolo "Storie a maglia lata" al Presidente della Camera, Lorenzo Fontana.

 

 

Ilaria Caracciolo, Storie a maglia alta, 2023

 

Descrizione

I giornalisti, con il loro impegno nell’informazione, anche a rischio della loro stessa vita, sono quel filo che genera storie, la Nostra storia: storia di libertà, democrazia e unione.

Storie di anziani e bambini, di connazionali e stranieri, di tradizione e innovazione, di passato e presente, di uguaglianza e unicità.

Ogni storia, ogni intreccio, ogni vita compone la grande trama della Nazione.

Una narrazione in continuo divenire…

 

Tecnica

Uncinetto a maglia alta con fili ricavati da carta di giornale

Allestimento su foglio sagomato di plexiglass, ancoraggio con filo di nylon e rame

 

Nota critica di Maria Angelastri, docente di Stodia dell’arte, Accademia di Belle Arti di Bari

Tra mille e una possibilità del crochet, questo artefatto potrebbe avere molti nomi immaginifici generati dalla sua trama leggera e variopinta. Frutto di un meticoloso lavoro di intreccio, trova la sua consistenza proprio nel congiungere in ondivaghe catenelle le molte lingue di carta stampata che quotidianamente accantoniamo nel nostro archivio della memoria. È cosa fragile, perciò, come lo sono le parole nella tessitura discorsiva, anche se ad una visione d’insieme la scrittura è qui solo un pretesto che ci sottrae alla più comune abitudine di voler dipanare il filo o i molti fili del discorso. Sempre al limite tra disfacimento e ricomposizione, induce lo sguardo a intercettare bagliori di luce che interrompano la dominante grigia del suo materiale, quasi a voler intelligere la segreta speranza di un’ultima esigenza di bellezza, e di rispondere magari a un significato che sta ben oltre la più stringente funzionalità dell’oggetto.

  

Breve bio

Ilaria Caracciolo, nata a Putignano (Ba) nel 2000, è iscritta al terzo anno di Grafica d’Arte dell’Accademia di Belle Arti di Bari. Nel 2023 ha vinto il secondo premio del concorso exlibristico “Biblioteca Bodio Lomnago” sul tema di Pinocchio.

 

Coordinamento dei lavori, prof.ssa Grazia Tagliente

Firma del protocollo d'intesa: collaborazione tra il corso di fotografia e il PhEst 
 
È con grande entusiasmo che annunciamo l'inizio della collaborazione tra il corso di fotografia della professoressa Michela Fabbrocino e il PhEst Festival Internazionale di Fotografia a Monopoli. Il protocollo d'intesa è stato firmato, aprendo le porte a una partnership significativa. Questo rapporto permetterà agli studenti e alle studentesse del corso di fotografia di avere opportunità di tirocinio e stage presso il festival, offrendo loro l'opportunità di lavorare a stretto contatto con fotografi di fama mondiale, curatori fotografici come Arianna Rinaldo, e di essere coinvolti nell'allestimento, nei social media e nell'organizzazione generale dell'evento. È un'occasione unica per gli studenti e per le studentesse di immergersi nel mondo della fotografia a livello professionale e di ampliare le loro competenze pratiche. Siamo entusiasti di vedere quali nuove opportunità e successi questa collaborazione porterà per entrambe le parti coinvolte.

Si rinnova la collaborazione tra l’Accademia di Belle Arti di Bari e il Factory Film Festival per la seconda edizione che si svolgerà in quattro serate, dal 14 al 17 Settembre 2023.

Ognuna delle serate avrà come tema una delle sezioni competitive del Festival, un focus pomeridiano con gli ospiti e autori in concorso ed un salotto durante le serate di proiezione. Novità del 2023 sarà la serata di Premiazione alla presenza della Giuria tecnica e popolare. Sono confermati i mattiné con i Workshop di settore, in uno spazio parallelo al Castello Caracciolo, location riconfermata per la nuova edizione del festival.

Per l’occasione il festival ha deciso di agevolare la partecipazione di artisti e studenti offrendo un codice sconto del 50% sull’iscrizione.

  • Iscrizioni - Le iscrizioni sono aperte fino al 17 Agosto 2023 e si effettuano unicamente tramite il portale FilmFreeway al seguente LINK: https://filmfreeway.com/FactoryFilmFestival
    Codice Sconto Studenti: ACCARTFFFF23
  • Sezione “Factory” – Cortometraggi italiani
    Concorrono ai premi le opere prodotte in Italia o all'estero purché dirette da autori nati, residenti o domiciliati in Italia. Saranno ammessi al concorso cortometraggi di qualunque genere e formato realizzati a partire dal 2021. La durata massima non dovrà superare i 20 minuti.
  • Sezione “Mondo” – Cortometraggi internazionali
    Concorrono ai premi le opere prodotte in qualsiasi Paese. Tutti i film devono essere sottotitolati in inglese. Saranno ammessi al concorso cortometraggi di qualunque genere e formato realizzati a partire dal 2021. La durata massima non dovrà superare i 20 minuti.
  • Sezione “Art” - Cortometraggi - Short Docu - Video Arte - VideoClip
    Concorrono ai premi le opere Italiane ed Internazionali che abbiano come tema centrale l'ARTE in ogni sua forma e linguaggio. La durata massima non dovrà superare i 20 minuti.